IMG_9531-04-02-18-11-40

CLICCA PER SCOPRIRE IL QUADRO ORARIO

PROGETTO: SPERIMENTAZIONE QUADRIENNALE LICEO DELLE SCIENZE UMANE

Il curricolo sperimentale recepisce quello tradizionale, ne conserva tutte le discipline che vengono potenziate con attività di copresenza e/o su piattaforma online.

Altro aspetto innovativo è rappresentato dalla didattica breve che a parità di rigore scientifico e di contenuti si pone anche l’obiettivo di una significativa riduzione dei tempi di insegnamento grazie ad una programmazione interdisciplinare, che consentirà uno svolgimento integrato, e pertanto più efficace pur se condensato, dei Programmi della maggior parte delle materie di Ambito Umanistico (Storia, Pedagogia, Filosofia, Italiano, Latino, Storia dell’Arte, Antropologia, Religione, che si svilupperanno parallelamente fin dal primo anno), come pure delle materie di Ambito scientifico (Scienze Naturali, Matematica, Informatica, CLIL).

Lavoro propedeutico all’avvio della sperimentazione, sarà una formazione continua dei Docenti che all’interno degli Ambiti disciplinari, intesi come veri e propri organi collegiali rappresentativi del Collegio dei Docenti, provvederanno alla:

– distillazione degli argomenti essenziali;
– rielaborazione di strategie didattiche volte al potenziamento delle ore di laboratorio e on line;
– piattaforma;
– individuazione delle modalità per operare una valutazione continua.

Per raggiungere le finalità e gli obiettivi propri del Liceo delle scienze umane rimangono valide le Indicazioni contenute nel DPR 89/2009; si riconosce piena validità ai seguenti principi:

lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica: si ritiene che le attività in copresenza possano potenziare questo aspetto;
la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari;
l’esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e di interpretazione di opere d’arte: la didattica breve potenzierà questo aspetto optando per una metodica basata sulla centralità del “testo” da analizzare;
la pratica dell’argomentazione e del confronto: aspetto essenziale della metodologia laboratoriale che pone al centro dell’azione didattica lo studente;
la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale, naturale conseguenza di una didattica partecipata;
l’uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca: è prevista la realizzazione di una piattaforma digitale dotata di una tecnologia in grado di sostenere una didattica innovativa.

Il progetto, in conformità con il DD prot. n. 820 del 18.10.2017, si sviluppa nei seguenti punti:
– quadri orari annuali e settimanali per ciascuna disciplina di studio e per ciascun anno di corso e modalità specifica di rimodulazione e adeguamento del calendario scolastico annuale e dell’orario settimanale delle lezioni per compensare, almeno parzialmente, la riduzione di una annualità del percorso scolastico;
– descrizione dei progetti di continuità e orientamento con la scuola secondaria di primo grado e con il mondo del lavoro;
– indicazione delle modalità di potenziamento dell’apprendimento linguistico attraverso l’insegnamento di almeno una disciplina non linguistica con metodologia CLIL;
– descrizione delle attività laboratoriali e delle tecnologie didattiche innovative che saranno utilizzate per l’acquisizione di specifiche competenze disciplinari e trasversali;
– modalità e tempi di attivazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro.

– Quadri orari annuali e settimanali per ciascuna disciplina di studio e per ciascun anno di corso;

– Modalità specifica di rimodulazione e adeguamento del calendario scolastico annuale e dell’orario settimanale delle lezioni per compensare, almeno parzialmente, la riduzione di una annualità del percorso scolastico.

La riduzione di un anno di studi, comporta, necessariamente, un aumento del monte ore settimanale delle materie caratterizzanti il Liceo delle Scienze Umane. Il quadro proposto è il risultato dell’applicazione della flessibilità (DPR 275/99 e dal DPR 89/10).

Il monte ore quinquennale delle discipline è stato ripensato con le seguenti modalità:

1. ITALIANO: le quattro ore settimanali previste per ciascun anno sono state distribuite sui 4 anni (5 ore settimanali nel quadriennio); delle 5h previste, 3h sono destinate alla didattica in classe, 1h alla copresenza con il docente di latino e 1h di didattica on line.

Durante le ore di copresenza i docenti, con programmazione settimanale, lavoreranno per il conseguimento delle competenze dell’asse linguistico-comunicativo.

2. LATINO: le due ore previste al quinto anno sono state distribuite sul secondo biennio; delle 3h previste, 2h sono destinate alla didattica disciplinare ed 1h alla copresenza con il docente di italiano. Durante l’ora di compresenza i docenti, con programmazione settimanale, lavoreranno per il conseguimento delle competenze dell’asse linguistico-comunicativo.

3. GEOSTORIA: le 3h settimanali previste nel primo biennio sono conservate.

4. STORIA: le due ore previste al quinto anno sono state distribuite sul secondo biennio (3h al terzo anno, 3h al quarto).

5. FILOSOFIA: le tre ore settimanali previste al triennio sono state distribuite dal primo al quarto anno (2h settimanali ciascun anno) in modo da garantire la trattazione integrata delle correnti e degli autori (quali la civiltà greca, Socrate, Platone Aristotele, l’Ellenismo ecc.) tra Filosofia e Pedagogia, la preparazione metodologico-lessicale necessaria per uno studio consapevole ed efficace della filosofia considerato l’alto valore formativo della disciplina all’interno del percorso umanistico. 1h di copresenza al quarto anno è prevista con la Materia di Filosofia per il conseguimento delle competenze dell’asse umanistico-filosofico e per un percorso di preparazione alle prove disciplinari dell’esame di stato.

6. SCIENZE UMANE: le cinque ore previste al quinto anno sono state distribuite tra il primo biennio (incremento di 1h sia nella classe prima sia nella classe seconda) ed il secondo biennio (incremento di 1h in terza e 2h in quarta, in considerazione del valore caratterizzante della disciplina per il Profilo interculturale del Nuovo Liceo Sperimentale); l’incremento delle ore è destinato alla preparazione metodologico-lessicale necessaria per uno studio consapevole ed efficace delle materie caratterizzanti il piano di studi (Antropologia, Pedagogia, Psicologia e Sociologia). 1h di copresenza con la Materia di Diritto Internazionale è inserita al terzo anno, allo scopo di completare, dal punto di vista giuridico, il percorso formativo interculturale. 1h di copresenza al quarto anno è prevista con la Materia di Filosofia per il conseguimento delle competenze dell’asse umanistico-filosofico e per un percorso di preparazione alle prove disciplinari dell’esame di stato.

7. DIRITTO ED ECONOMIA: rispetto al percorso quinquennale, l’insegnamento viene confermato nel primo biennio ed esteso in 1h di copresenza, al terzo anno, di Diritto Internazionale integrato con le Scienze Umane per approfondirne gli aspetti internazionali.

7. STORIA DELL’ARTE: rispetto al percorso quinquennale, l’insegnamento viene proposto già dal primo biennio e distribuito per 1h settimanale nel primo biennio e 2h settimanali nel secondo biennio, per lo sviluppo della didattica interdisciplinare integrata tra le Materie dell’Ambito umanistico.

8. LINGUA E CULTURA STRANIERA: rispetto al percorso quinquennale, lo studio dell’inglese risulta potenziato. L’insegnamento della disciplina viene rafforzato da un monte ore incrementato di 1h di madrelingua in ogni classe. Tale percorso è finalizzato anche al conseguimento della certificazione First Certificate of English (FIRST), livello B2.

9. MATEMATICA E FISICA: il monte ore curriculare di queste discipline rispetto al corso quinquennale è stato conservato e 1h è stata prevista on line per potenziare le esercitazioni e le abilità specifiche della Materia. Le ore di Fisica sono state conservate e ripartite in 1h settimanale nel primo biennio e due settimanali nel secondo biennio.

10. SCIENZE NATURALI: la ridistribuzione del monte orario prevede 2h nelle classi prima e quarta, e 3h nel secondo e terzo anno, prevedendo anche esercitazioni per la preparazione ai test d’accesso alle facoltà universitarie.

11. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE: si conserva il monte ore del percorso quinquennale distribuito in 3h settimanali al primo biennio, di cui 1 on line, 2h settimanali nel secondo biennio.

12. RELIGIONE: è prevista la conservazione di 1h settimanale per ciascun anno di corso, integrando la trattazione delle tematiche con le altre Materie dell’Ambito Umanistico secondo la didattica interdisciplinare.

CLIL: sono destinate alla didattica CLIL 2h di insegnamento delle discipline Informatica e Scienze Naturali, così come previsto dalla Nota del Miur 25/07/2014.

Il monte ore complessivo è di 36h settimanali nel primo anno e 37 nei tre anni successivi, suddivise in 5 giornate con orario prolungato per 3 giorni fino alle 15.20. La durata delle lezioni sarà di 60 minuti.
La rimodulazione del quadro orario non prevede la modifica del calendario scolastico regionale: gli studenti seguiranno la stessa scansione delle altre classi del Liceo delle Scienze Umane, d’ordinamento.

Descrizione dei progetti di continuità e orientamento con la scuola secondaria di primo grado e con il mondo del lavoro.

L’Istituto comprende in sé sia la scuola Primaria sia la scuola secondaria di I grado che collaborano già attivamente con il Liceo delle Scienze Umane nei seguenti percorsi:

1. Attivazione del curricolo verticale

a) scuola Primaria: attivazione di un progetto di studio di scienze in inglese, secondo il Progetto MINICLIL ed ECDL extra-curricolare.
b) scuola Secondaria di I grado: attivazione, a partire dalle classe prima, di Progetti di didattica del Latino, “Blog d’Istituto”, Progetto di Logica.
c) attivazione di certificazioni linguistiche in uscita dalla Scuola Secondaria di I grado (certificazione PET e KET)
d) viaggi d’istruzione organizzati in verticale per garantire una continuità verticale della didattica.
e) Liceo delle Scienze Umane quadriennale: realizzerà, in continuità con il Liceo delle Scienze Umane Quinquennale, il Progetto, denominato Giornata Pedagogica, di raccordo tra i tre ordini di scuola (progetto portante del nostro Liceo e dell’intera esperienza di Alternanza scuola-lavoro).

2. Attività di orientamento in uscita

a) organizzazione di riunioni di raccordo tra docenti della scuola primaria e secondaria di I grado

b) organizzazione di riunioni di raccordo tra docenti della scuola secondaria di I grado e del Liceo delle scienze umane

c) organizzazione di stage, lezione dedicate e laboratori didattici per i discenti delle classi terze della scuola secondaria di I grado presso il Liceo delle scienze umane.

3. Le indicazioni delle modalità di potenziamento dell’apprendimento linguistico attraverso l’insegnamento di almeno una disciplina non linguistica con metodologia CLIL e la descrizione delle attività laboratoriali e delle tecnologie didattiche innovative che saranno utilizzate per l’acquisizione di specifiche competenze disciplinari e trasversali nonché le modalità e i tempi di attivazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro sono analiticamente descritte nel testo del Progetto generale.